Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /homepages/9/d380122755/htdocs/wp-content/themes/pd-germania-3/functions.php:18) in /homepages/9/d380122755/htdocs/wp-includes/feed-rss2-comments.php on line 8
Commenti per www.pdgermania.de http://www.pdgermania.de Il sito del Partito Democratico per gli italiani in Germania Fri, 16 Dec 2016 12:48:25 +0000 hourly 1 http://wordpress.org/?v=3.2.1 Commenti su Riunione di circolo e Festa di Natale a Monaco di Edoardo Toniolatti http://www.pdgermania.de/2016/12/riunione-di-circolo-e-festa-di-natale-a-monaco/#comment-3415 Edoardo Toniolatti Fri, 16 Dec 2016 12:48:25 +0000 http://www.pdgermania.de/?p=4648#comment-3415 Caro Gaspare, qui puoi trovare tutte le informazioni necessarie: http://www.pdgermania.de/mi-iscrivo/ Credo che il Circolo PD a te più vicino sia quello di Monaco di Baviera: prova a contattare il segretario, Cecilia Mussini: ti aiuterà volentieri! Un caro saluto, Edoardo Toniolatti Caro Gaspare, qui puoi trovare tutte le informazioni necessarie: http://www.pdgermania.de/mi-iscrivo/

Credo che il Circolo PD a te più vicino sia quello di Monaco di Baviera: prova a contattare il segretario, Cecilia Mussini: ti aiuterà volentieri!

Un caro saluto, Edoardo Toniolatti

]]>
Commenti su Riunione di circolo e Festa di Natale a Monaco di Battista Gaspare http://www.pdgermania.de/2016/12/riunione-di-circolo-e-festa-di-natale-a-monaco/#comment-3414 Battista Gaspare Fri, 16 Dec 2016 08:02:12 +0000 http://www.pdgermania.de/?p=4648#comment-3414 vorrei iscrivermi al partito democratico come fare ? grazie Battista Gaspare Eichstätt vorrei iscrivermi al partito democratico come fare ?
grazie Battista Gaspare Eichstätt

]]>
Commenti su IMU = Imposta da Modificare Urgentemente di Giuseppe http://www.pdgermania.de/2013/01/imu-imposta-da-modificare-urgentemente/#comment-2995 Giuseppe Wed, 24 Jun 2015 15:07:50 +0000 http://www.pdgermania.de/?p=2005#comment-2995 Sono Italiano residente in Germania da 30 anni, vivo in un appartamento e pago le tasse qui da sempre. in Italia mia moglie ha ricevuto in donazione un piccolo appartamento dai suoi genitori e adesso la nostra cara adorata Italia ci chiede l'imu per la nostra 2 casa ,vi sempre giusta questa arroganza del Governo Italiano.Mia moglie e affetto della multi sclerosi,è io non lavoro da un anno per stare in sieme alla mia cara . Grazie Sono Italiano residente in Germania da 30 anni, vivo in un appartamento e pago le tasse qui da sempre. in Italia mia moglie ha ricevuto in donazione un piccolo appartamento dai suoi genitori e adesso la nostra cara adorata Italia ci chiede l’imu per la nostra 2 casa ,vi sempre giusta questa arroganza del Governo Italiano.Mia moglie e affetto della multi sclerosi,è io non lavoro da un anno per stare in sieme alla mia cara .
Grazie

]]>
Commenti su Vivere l’Europa dando un segnale di integrazione politica di tannino http://www.pdgermania.de/2014/05/vivere-l%e2%80%99europa-dando-un-segnale-di-integrazione-politica/#comment-2994 tannino Wed, 24 Jun 2015 14:27:10 +0000 http://www.pdgermania.de/?p=2437#comment-2994 Sono veramente dispiaciuto di queste uscite importanti dal PD (Rutelli – da più tempo - Cofferati, Civati, Fassina – gli ultimi) che ritengo dei grossi errori da parte di chi esce. La costruzione e la nascita del PD fu determinata dall’impossibilità di sottostare ai continui ricatti che personaggi all’esterno dell’Unione facevano ai propri governi di Centrosinistra partendo da Bertinotti, a Turigliatto, Rossi, fino alle estreme destre come Mastella e Dini. Lo sforzo sarebbe dovuto essere quello di unificare sotto un unico Partito le forze progressiste del Paese e al suo interno decidere di volta in volta quale fosse la linea da seguire facendo Congressi e quant’altro serve per la democrazia interna di un Partito. Mi piace ricordare che a Monaco non superavamo il palmo di una mano come fondatori del PD tanta era l’insicurezza in molti di quelli che poi pian piano vennero diventando i nuovi iscritti e militanti. Mi dispiace perchè da parte mia fu forte il desiderio che da subito nascesse alla sinistra del PD una forza alternativa al partito, questo avrebbe dato ad ognuno di noi la possibilità, qualora fossimo insoddisfatti dello sviluppo politico, di poter avere un’alternativa. Non fu fatto, le forze alla sinistra del PD non hanno mai mostrato la forza la solidità per creare tale Partito. Queste uscite singole mostrano secondo me l’insicurezza con la quale militavano nel PD. Più forte ha mostrato di essere Renzi quando perse contro Bersani, non fuggi, non si nascose e non mise bastoni tra le ruote al segretario Bersani e alla fine vinse, la sua costanza fu premiata proprio da quei militanti che prima votarono Bersani (me incluso) e che furono capaci di cambiare candidato pur di dare al Paese una chance di risalire dal baratro in cui la crisi economica ci stava trascinando. Vorrei che i ns militant i ns iscritti e simpatizzanti non si facessero prendere dallo scoramento a causa di una linea politica che non è di loro gradimento, anch’io su molti punti potrei avere le mie lamentele da fare ma non per questo me ne uscirò, piuttosto mi batterò affinchè queste emergano ma terrò sempre presente la realtà italiana: quale forza politica può oggi seriamente guidare il Paese al di fuori del PD? Fatevi questa domanda prima che vi vengano dubbi alla Fassina. Vi abbraccio gt Sotto l’articolo trovato su Facebook. xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Fassina, già responsabile economico del Partito democratico, era da mesi in rotta con la gestione Renzi del partito e le scelte del governo. Solo oggi era tornato a criticare la riforma della scuola: "La scelta del governo di porre il voto di fiducia sul disegno di legge sulla scuola è uno schiaffo al parlamento e all'universo della scuola che in questi mesi si è mobilitato per un intervento innovativo e di riqualificazione della scuola pubblica. Il testo del maxi emendamento predisposto dal governo si limita a qualche ritocco cosmetico. Il Pd mette la fiducia su un testo che contraddice profondamente il programma sul quale siamo stati eletti. Un testo ispirato nel suo principio guida alla riforma Aprea, sottosegretaria del governo Berlusconi. È Inaccettabile il ricatto sulle stabilizzazioni". Un altro big del partito che lascia, dopo l'addio di Civati, che proprio nei giorni scorsi ha presentato il suo nuovo soggetto politico, Possibile. E in prima fila alla presentazione c'era proprio Fassina. Al quale Civati si è rivolto direttamente con queste parole: "Grazie Stefano, per le tante battaglie combattute insieme". E a margine di quell'incontro, Fassina aveva detto: "Bisogna ricostruire un campo largo di centrosinistra per provare a riportare a sinistra l'iniziativa politica, quella parte di popolo democratico che a partire dalle Regionali in Emilia-Romagna non è andata a votare e che votava Pd" ma "ha trovato le scelte del Pd sul lavoro, sulla scuola profondamente contraddittorie con il programma del partito". E ancora: "La volta liberista - spiegava Fassina - non funziona e non è stata condivisa". Al momento non è chiaro se Fassina pensa di convergere in Possibile o di creare un suo soggetto politico diverso. Il video con l'annuncio è stato pubblicato su YouTube. Mit freundlichen Grüßen / best regards /meilleurs salutations / cordiali saluti Gianfranco Tannino Sono veramente dispiaciuto di queste uscite importanti dal PD (Rutelli – da più tempo – Cofferati, Civati, Fassina – gli ultimi) che ritengo dei grossi errori da parte di chi esce. La costruzione e la nascita del PD fu determinata dall’impossibilità di sottostare ai continui ricatti che personaggi all’esterno dell’Unione facevano ai propri governi di Centrosinistra partendo da Bertinotti, a Turigliatto, Rossi, fino alle estreme destre come Mastella e Dini. Lo sforzo sarebbe dovuto essere quello di unificare sotto un unico Partito le forze progressiste del Paese e al suo interno decidere di volta in volta quale fosse la linea da seguire facendo Congressi e quant’altro serve per la democrazia interna di un Partito. Mi piace ricordare che a Monaco non superavamo il palmo di una mano come fondatori del PD tanta era l’insicurezza in molti di quelli che poi pian piano vennero diventando i nuovi iscritti e militanti. Mi dispiace perchè da parte mia fu forte il desiderio che da subito nascesse alla sinistra del PD una forza alternativa al partito, questo avrebbe dato ad ognuno di noi la possibilità, qualora fossimo insoddisfatti dello sviluppo politico, di poter avere un’alternativa. Non fu fatto, le forze alla sinistra del PD non hanno mai mostrato la forza la solidità per creare tale Partito. Queste uscite singole mostrano secondo me l’insicurezza con la quale militavano nel PD. Più forte ha mostrato di essere Renzi quando perse contro Bersani, non fuggi, non si nascose e non mise bastoni tra le ruote al segretario Bersani e alla fine vinse, la sua costanza fu premiata proprio da quei militanti che prima votarono Bersani (me incluso) e che furono capaci di cambiare candidato pur di dare al Paese una chance di risalire dal baratro in cui la crisi economica ci stava trascinando. Vorrei che i ns militant i ns iscritti e simpatizzanti non si facessero prendere dallo scoramento a causa di una linea politica che non è di loro gradimento, anch’io su molti punti potrei avere le mie lamentele da fare ma non per questo me ne uscirò, piuttosto mi batterò affinchè queste emergano ma terrò sempre presente la realtà italiana: quale forza politica può oggi seriamente guidare il Paese al di fuori del PD? Fatevi questa domanda prima che vi vengano dubbi alla Fassina. Vi abbraccio gt
Sotto l’articolo trovato su Facebook.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
Fassina, già responsabile economico del Partito democratico, era da mesi in rotta con la gestione Renzi del partito e le scelte del governo. Solo oggi era tornato a criticare la riforma della scuola: “La scelta del governo di porre il voto di fiducia sul disegno di legge sulla scuola è uno schiaffo al parlamento e all’universo della scuola che in questi mesi si è mobilitato per un intervento innovativo e di riqualificazione della scuola pubblica. Il testo del maxi emendamento predisposto dal governo si limita a qualche ritocco cosmetico. Il Pd mette la fiducia su un testo che contraddice profondamente il programma sul quale siamo stati eletti. Un testo ispirato nel suo principio guida alla riforma Aprea, sottosegretaria del governo Berlusconi. È Inaccettabile il ricatto sulle stabilizzazioni”.

Un altro big del partito che lascia, dopo l’addio di Civati, che proprio nei giorni scorsi ha presentato il suo nuovo soggetto politico, Possibile. E in prima fila alla presentazione c’era proprio Fassina. Al quale Civati si è rivolto direttamente con queste parole: “Grazie Stefano, per le tante battaglie combattute insieme”. E a margine di quell’incontro, Fassina aveva detto: “Bisogna ricostruire un campo largo di centrosinistra per provare a riportare a sinistra l’iniziativa politica, quella parte di popolo democratico che a partire dalle Regionali in Emilia-Romagna non è andata a votare e che votava Pd” ma “ha trovato le scelte del Pd sul lavoro, sulla scuola profondamente contraddittorie con il programma del partito”. E ancora: “La volta liberista – spiegava Fassina – non funziona e non è stata condivisa”.

Al momento non è chiaro se Fassina pensa di convergere in Possibile o di creare un suo soggetto politico diverso.

Il video con l’annuncio è stato pubblicato su YouTube.
Mit freundlichen Grüßen / best regards /meilleurs salutations / cordiali saluti
Gianfranco Tannino

]]>
Commenti su Il PD Germania dice NO al continuo scempio della rete estera! di pino http://www.pdgermania.de/2013/12/il-pd-germania-dice-no-al-continuo-scempio-della-rete-estera/#comment-391 pino Fri, 22 Aug 2014 07:45:42 +0000 http://www.pdgermania.de/?p=2222#comment-391 intanto il PD Italia chiude ...... intanto il PD Italia chiude ……

]]>
Commenti su Comunicato del Circolo PD Berlino sulla situazione nella Striscia di Gaza di gianfranco tannino http://www.pdgermania.de/2014/07/comunicato-del-circolo-pd-berlino-sulla-situazione-nella-striscia-di-gaza/#comment-375 gianfranco tannino Fri, 01 Aug 2014 13:24:57 +0000 http://www.pdgermania.de/?p=2453#comment-375 Ciao a tutti cari democratici di Berlino, condivido in pieno ciò che avete scritto nel vs documento. Era ciò che proposi sin dall'inizio e che lo abbiate fatto voi mi rallegra. Non si può restare in silenzio quasi a dimostrare della ns incapacità in queste drammatiche situazioni di esprimere una posizione, voi l'avete espressa secondo me nella maniera migliore. grazie Tannino Ciao a tutti cari democratici di Berlino, condivido in pieno ciò che avete scritto nel vs documento. Era ciò che proposi sin dall’inizio e che lo abbiate fatto voi mi rallegra. Non si può restare in silenzio quasi a dimostrare della ns incapacità in queste drammatiche situazioni di esprimere una posizione, voi l’avete espressa secondo me nella maniera migliore. grazie Tannino

]]>
Commenti su Angela, Cancelliera vampira di gianfranco tannino http://www.pdgermania.de/2013/09/angela-cancelliera-vampira/#comment-314 gianfranco tannino Sat, 12 Apr 2014 09:22:46 +0000 http://www.pdgermania.de/?p=2147#comment-314 Caro Ricò, lo leggo solo ora è un intervento scritto prima della formazione del nuovo governo tedesco. Non saprei dove trovarmi in disaccordo, in qualche virgola? forse, non ci ho fatto caso, ma nel contenuto per me: PERFETTO. È un vero peccato per esempio che quest'articolo (come sicuramente altri tuoi e di altri dirigenti) non sia letto e valutato da nessuno, come facciamo noi della base PD a poter giudicare i ns dirigenti se hanno capacità d'analisi? È possible trovare una soluzione che permetta la lettura di interessanti articoli fatti da dirigenti del PD? Si obietterà: interessanti per chi? Beh! trovate voi la soluzione, io che ho avuto la fortuna di leggere quest'Articolo il mio voto l'ho già dato: 1, ma alla tedesca. Gianfranco Tannino Monaco di Baviera Caro Ricò, lo leggo solo ora è un intervento scritto prima della formazione del nuovo governo tedesco. Non saprei dove trovarmi in disaccordo, in qualche virgola? forse, non ci ho fatto caso, ma nel contenuto per me: PERFETTO.
È un vero peccato per esempio che quest’articolo (come sicuramente altri tuoi e di altri dirigenti) non sia letto e valutato da nessuno, come facciamo noi della base PD a poter giudicare i ns dirigenti se hanno capacità d’analisi?
È possible trovare una soluzione che permetta la lettura di interessanti articoli fatti da dirigenti del PD? Si obietterà: interessanti per chi? Beh! trovate voi la soluzione, io che ho avuto la fortuna di leggere quest’Articolo il mio voto l’ho già dato: 1, ma alla tedesca.
Gianfranco Tannino Monaco di Baviera

]]>
Commenti su Che bell’incontro a Monaco di Baviera di gianfranco tannino http://www.pdgermania.de/2014/04/che-bellincontro-a-monaco-di-baviera/#comment-313 gianfranco tannino Sat, 12 Apr 2014 08:02:27 +0000 http://www.pdgermania.de/?p=2353#comment-313 Questo è un mio intervento personale, non della sezione. Io ero presente e ritengo che l'articolo trasmette ciò che ho visto e ascoltato ma essendo della sezione di Monaco potrei essere letto come avente conflitto d'interessi. Il mio intervento ha uno scopo, quello di capire. Vorrei capire l'assenza delle sezioni non presenti anche se lo sappiamo tutti una delle cause maggiori è la distanza tra queste. Pongo questa domanda perchè facendo parte del PD sin dalla sua nascita so che l’elezione dell’attuale segreteria Germania è avvenuta portandosi dietro qualche diatriba. È importante quindi che si sappia che da Monaco c'è stata una ripartenza gestita da un nuovo direttivo che vorrebbe superare le diatribe del passato. È l'augurio che faccio a tutte le sezioni PD Germania, INSIEME possiamo fare molto di più. PS: Mi permetto di dare un consiglio rivolgendomi ai dirigenti delle varie sezioni PD Germania, parlatevi, scrivetevi, cercate di lavorare in armonia, non v’intestardite gli uni contro gli altri, siate aperti alle novità. Gianfranco Tannino, Monaco di Baviera Questo è un mio intervento personale, non della sezione.

Io ero presente e ritengo che l’articolo trasmette ciò che ho visto e ascoltato ma essendo della sezione di Monaco potrei essere letto come avente conflitto d’interessi. Il mio intervento ha uno scopo, quello di capire. Vorrei capire l’assenza delle sezioni non presenti anche se lo sappiamo tutti una delle cause maggiori è la distanza tra queste.
Pongo questa domanda perchè facendo parte del PD sin dalla sua nascita so che l’elezione dell’attuale segreteria Germania è avvenuta portandosi dietro qualche diatriba. È importante quindi che si sappia che da Monaco c’è stata una ripartenza gestita da un nuovo direttivo che vorrebbe superare le diatribe del passato.
È l’augurio che faccio a tutte le sezioni PD Germania, INSIEME possiamo fare molto di più.

PS: Mi permetto di dare un consiglio rivolgendomi ai dirigenti delle varie sezioni PD Germania, parlatevi, scrivetevi, cercate di lavorare in armonia, non v’intestardite gli uni contro gli altri, siate aperti alle novità.

Gianfranco Tannino, Monaco di Baviera

]]>
Commenti su Verso le elezioni europee, assieme alla SPD di Maria Chimirri http://www.pdgermania.de/2014/03/verso-le-elezioni-europee-assieme-alla-spd/#comment-312 Maria Chimirri Wed, 19 Mar 2014 07:14:10 +0000 http://www.pdgermania.de/?p=2350#comment-312 Caro Federico, ammiro il tuo impegno e, credimi, non desidererei niente di piu' che la rinascita di una sinistra europea veramente degna di questo nome. Maria Caro Federico,

ammiro il tuo impegno e, credimi, non desidererei niente di piu’ che la rinascita di una sinistra
europea veramente degna di questo nome. Maria

]]>
Commenti su La festa delle donne e la questione maschile di Sara Schiaffino http://www.pdgermania.de/2014/03/la-festa-delle-donne-e-la-questione-maschile/#comment-304 Sara Schiaffino Sat, 08 Mar 2014 22:16:11 +0000 http://www.pdgermania.de/?p=2342#comment-304 Bellissimo articolo. Concordo in pieno, e sono anche molto ottimista; ho 26 anni e credo che la nostra generazione abbia fatto passi da gigante, grazie ovviamente alle generazioni passate che sono state in grado di metterci sulla buona strada. Ci sono sempre molte eccezioni purtroppo, ma sappiamo che il rispetto reciproco cresce di pari passo con la cultura, e chiuque faccia del male o manchi di rispetto ad un altro individuo, che sia esso uomo, donna o bambino, non può essere definito un individuo adatto a vivere in una società civile ; quindi si, la questione non è la donna, ma tutte le donne e tutti gli uomini, la società intera; perchè una società dove vengono rispettati soltanto il 50% degli individui, non è una società con grandi ambizioni, ed è destinata ad evolversi molto poco. E con tutte le sfumature che possiamo dare a questa parola, rispetto, ci tengo a precisare che, a mio modesto giudizio, non può trattarsi mai di un mazzo di fiori, o di una scatola di cioccolatini; rispetto significa guardare un altro individuo come guardiamo noi stessi, consapevoli del fatto che tale persona possiede i nostri stessi diritti e doveri, quindi in tutto e per tutto uguale a noi, qualunque sia la razza, il sesso, ecc... Sembra sempre scontato parlare di queste cose, ma rifletterci di tanto in tanto serve, soprattutto se consideriamo che per molte persone ancora non è così ovvio. Grazie Federico! Bellissimo articolo. Concordo in pieno, e sono anche molto ottimista; ho 26 anni e credo che la nostra generazione abbia fatto passi da gigante, grazie ovviamente alle generazioni passate che sono state in grado di metterci sulla buona strada.
Ci sono sempre molte eccezioni purtroppo, ma sappiamo che il rispetto reciproco cresce di pari passo con la cultura, e chiuque faccia del male o manchi di rispetto ad un altro individuo, che sia esso uomo, donna o bambino, non può essere definito un individuo adatto a vivere in una società civile ; quindi si, la questione non è la donna, ma tutte le donne e tutti gli uomini, la società intera; perchè una società dove vengono rispettati soltanto il 50% degli individui, non è una società con grandi ambizioni, ed è destinata ad evolversi molto poco.
E con tutte le sfumature che possiamo dare a questa parola, rispetto, ci tengo a precisare che, a mio modesto giudizio, non può trattarsi mai di un mazzo di fiori, o di una scatola di cioccolatini; rispetto significa guardare un altro individuo come guardiamo noi stessi, consapevoli del fatto che tale persona possiede i nostri stessi diritti e doveri, quindi in tutto e per tutto uguale a noi, qualunque sia la razza, il sesso, ecc…
Sembra sempre scontato parlare di queste cose, ma rifletterci di tanto in tanto serve, soprattutto se consideriamo che per molte persone ancora non è così ovvio.
Grazie Federico!

]]>